Bivacco Città di Clusone

Maurizio Milesi, 25 anni.

Questo è un obiettivo / progetto personale che sto cercando di perseguire mentre scrivo. Trovo che l’inglese sia un linguaggio più facile da comporre per la scrittura e dal momento che non sono uno scrittore, è per questo che sto iniziando a scrivere in questa lingua piuttosto che in italiano.

Al momento sono sia un cameriere che un libero professionista, un fotografo per la precisione. Mi è sempre piaciuta l’idea di poter esprimere me stesso attraverso le immagini e ancora mi piace, specialmente con le immagini fisse in cui si lascia agli spettatori il tempo in cui scelgono di guardarlo, al contrario del video in cui si tiene attaccato lo spettatore per un tempo preciso e tu decidi quanto lasciarlo esposto a una certa immagine. Recentemente, mi sono trovato a chiedermi se tutto questo fosse abbastanza per me o no. Indovina la mia risposta. Non ho arroganza di dire di essere uno scrittore, non lo sono certamente, sono solo come tutti gli altri, sto solo cercando di soddisfare i miei sentimenti e sensazioni.

L’idea qui è di scrivere un diario, sia personale che pubblico, in cui racconto storie di queste avventure attraverso immagini e parole. Alastair Humpreys definisce la micro avventura una notte in natura, che potrebbe incastrarsi con il normale orario di lavoro. Se questo è micro, le mie potrebbero essere mini avventure, ma comunque, saranno avventure per me. Puoi aiutarmi a mantenere attivo questo progetto finanziandolo tramite l’acquisto di stampe.

Anni fa, ho sentito la chiamata per il “wild” per la prima volta.

Avevo circa 18 anni e ho iniziato a parlare con i miei amici di questo. Alcuni di loro erano presenti al mio primo lungo viaggio, un interrail attraverso l’Europa fino in Scandinavia. Sarò onesto, la ragione principale per cui ho effettivamente accettato tutti i compromessi di quando si condivide un viaggio con altre persone, era che avevo paura di andare da solo. Non mi sentivo abbastanza sicuro per affrontare questo viaggio in solitaria.

Immagino che da lì sia partito il mio vero viaggio.

L’anno seguente ho provato a pianificare un viaggio a piedi da Bergamo al mare. L’idea non ha avuto molto appeal quindi alla fine ho rinunciato.

Un anno dopo andavo in Polonia per Erasmus + e me ne andavo da solo.

C’era una foresta che ho trovato, ricordo ancora il nome, Stary Gay, la vecchia foresta. Essere lì è stato fantastico. A quel tempo stavo lentamente diventando un fotografo professionista e un giorno sono andato lì per uno shooting. Quel giorno ha cambiato la mia vita in qualche modo.

Durante la mia permanenza in Polonia, ero in una zona piuttosto pianeggiante e lì forse sentivo un po ‘di nostalgia, quindi ho iniziato a cercare le montagne e ho programmato una piccola fuga verso i monti Tatra.

Sono passati tre anni da lì e ora sono di nuovo alla ricerca di quello spirito di avventura.

Ora sto lavorando, ma avendo turni particolari, lavorando da mercoledì a sabato, ho potuto facilmente prendere lo zaino e uscire per un paio di notti.

Credo fermamente che non sia necessario andare a migliaia di chilometri per andare all’avventura.

La mia prima notte in solitaria fu al Bivacco Città di Clusone, proprio sotto la Presolana, la regina delle Orobie, dove potevo dormire in quel bivacco invece di portare una tenda.

Una notte da solo a 2050m, in un piccolo bivacco con nessuno e nient’altro che il silenzio in cui puoi immergerti; un fornelletto da campo per cucinare un risotto pronto. Freddo e ventoso subito dopo il tramonto, ma fantastico. Previsioni che annunciano pioggia per il giorno successivo, sono arrivato alla macchina tutto bagnato ma felice.

Ora ho in programma u’avventura con un amico che parte da casa mia a Ranica e va fino al Resegone, un’escursione di 60 km con 4000 metri di salita. Lo faremo la prossima settimana, quando scriverò.

30 Settembre 2018, parto per il bivacco città di Clusone dove passerò la notte. Da solo. La prima notte in montagna da solo. Alberto viene con me per la salita e la giornata ma scenderà prima del tramonto. Affrontiamo il sentiero invernale, completamente immersi nelle nuvole, e in poco più di un’ora siamo al bivacco. 

 

Pranzo al sacco e ci rilassiamo tra sole e nuvole per poi fare due passi verso la grotta dei Pagani.

Alberto scende e resto solo. Fotografo il tramonto gustandomelo appieno!

A questo punto iniziano a calare il buio e le temperature. Mi cucino un risotto con fornelletto e gavetta.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi